Cura dei gioielli

Qualche semplice consiglio per mantenere belle e lucenti le vostre gioie

Piccola premessa: la tipologia della pelle è diversa da persona a persona. Talvolta una particolare acidità del PH può accelerare il processo di ossidazione: si tratta di un processo naturale, totalmente soggettivo. 

Se doveste notare che la vostra pelle si macchia indossando gioielli, non si tratta di allergia, basterà lavare la parte interessata con il sapone e questa andrà via.

Detto questo, ecco come prendersi
cura dei propri gioielli:

Per prima cosa salvaguardarli il più possibile dall’umidità

Quindi quando non vengono utilizzati, meglio riporli al sicuro in una scatolina o in una bustina, separati per metalli. Un’ottima soluzione è anche mettere all’interno i sacchettini anti umidità con il gel di silice (che si trovano di solito quando si comprano le scarpe).
Questi ultimi non permetteranno la formazione di condensa e quindi rallentano il processo di ossidazione.

Gioielli non placcati non temono l’acqua

I materiali impiegati sono: bronzo giallo (lega di rame e stagno), argento e oro naturali per cui possono essere indossati anche sotto la doccia che non accade nulla, anzi, ogni qualvolta verranno insaponati, si va a togliere già una sottile patina, ma mi raccomando di asciugarli molto bene dopo.

Ogni tanto fare una pulizia più profonda

Puoi usare:

1) Bicarbonato e aceto/acido citrico con l’aggiunta di poca acqua calda, fino a creare una soluzione che innescherà una reazione chimica schiumosa. Immersi i pezzi, dopo poco sciacquando con un po’ di sapone e asciugandoli saranno di nuovo puliti.

2) Dentifricio messo un po’ su un vecchio spazzolino, si strofina bene, si sciacqua e si asciuga accuratamente (attenzione alle gemme).

3) Sidol: l’opzione migliore. É un prodotto lucida metalli. Anche questo messo in piccola quantità su un panno , si strofina in senso circolare, si sciacqua con un po’ di sapone in modo da togliere ogni residuo di prodotto, lo si asciuga e apparirà come nuovo.